Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK
Cerca Memorials o Cimitero
CERCA

Cosa Facciamo





Ultimi Ann. di Nascita

VITTORIO
GASMAN


N. 01-09-1922
M. 29-06-2000
SANDRA
MONDAINI


N. 01-09-1931
M. 21-09-2010
EDDA
MUSSOLINI


N. 01-09-1910
M. 09-04-1995
DIANA
SPENCER


N. 01-07-1961
M. 31-08-1997
MERILYN
MONROE


N. 01-06-1926
M. 05-08-1962

Infinita Memoria - Cimiteri Online

Infinita Memoria

Infinita Memoria "Cimiteri Online" è un servizio di rete sociale dedicato alla visita virtuale dei luoghi della memoria per eccellenza i "cimiteri", preposto al ricordo e alla commemorazione dei defunti, coloro i quali ci hanno preceduto e in parte accompagnato nel percorso terreno della vita.


Leggi Tutto



La morte di un essere umano costituisce un evento di grande importanza nella vita sociale culturale dell’individuo.
Tutti noi siamo stati colpiti dallo sconforto per la perdita di qualcuno, e come è ovvio in primis il pensiero va ai propri cari, specie coloro la cui scomparsa è meno lontana sì che la cicatrice del dolore non è ancora rimarginata.
Poi il pensiero sale e si volge a tutte le persone conosciute appartenenti alle comunità in cui viviamo, uniti da vincoli di amicizia o di lavoro.
Infine il pensiero si estende, per contemplare tutti gli uomini e le donne sacrificati dalla sorte, a "memoria" delle vittime di guerre, stragi o calamità naturali.

La Crisi Dell'identità Storica

La società moderna è frutto di una costante evoluzione avvenuta nel tempo, un susseguirsi di eventi e di relazioni che progressivamente hanno condizionato la nostra esistenza.
LA memoria storica, acquista di fatto un ruolo determinante nella comprensione degli aventi, una rilevanza che troppo spesso tende ad essere trascurata.
Gran parte dei giovani crescono in una sorta di presente assoluto, permanente, dove viene escluso ogni rapporto organico con il passato storico del tempo in cui essi vivono. Questa totale mancanza d’ interesse nei confronti del passato è un grave fattore che dovrebbe far riflettere: com’è possibile pensare di costruire un futuro o comprendere il presente senza essere culturalmente radicati o consapevoli del passato?

Infinita Memoria ha elaborato una risposta, indirizzandola specie alle nuove generazioni.
Utilizzando strumenti a loro familiari come la rete, veicola servizi e contenuti riguardanti storie di uomini unici di cui non possiamo dimenticare o perdere memoria.
L’intento e' quello di mantenere costante nel tempo un legame generazionale col passato, mediante la creazione di un archivio storico nazionale dove raccogliere, conservare, tramandare ai posteri all’ infinito la "memoria" di tutti, indistintamente dal ceto sociale al credo religioso. Il servizio online infinitamemoria.it non ha orari di visita, consente l’accesso agli utenti di tutto il Mondo 24 ore su 24.

"Quod tu es ego fui, quod ego sum et tu eris"


Chiudi

Prince, genio dai mille nomi è morto.
Pubblicato il 22/04/2016
Prince, genio dai mille nomi è morto.

Da oltre trent'anni uno dei più grandi e talentuosi, prolifici e ingovernabili artisti della musica mondiale: Prince Rogers Nelson, in arte Prince, era nato il 7 giugno del 1958. Cantante, musicista, attore, regista e produttore, il “genietto di Minneapolis” dalla fine degli anni Settanta ha frequentato e sapientemente mixato i più svariati generi musicali: dal soul al funk, passando con disinvoltura al jazz, al pop e al rock psichedelico, conquistandosi una folta schiera di fedelissimi fan che seguono ossessivamente le sue gesta, impegni e intemperanze. Il corpo di Prince e' stato trovato senza vita in un ascensore degli studio di Chanhassen, dove l'artista registrava le sue canzoni. Un talento omaggiato niente di meno che da Miles Davis, che con Prince ha collaborato in diversi momenti. A Prince ha reso omaggio anche il presidente americano Barack Obama: "E' stato un esecutore  che elettrizzava. Oggi, il mondo ha perso un'icona creativa", ha scritto il leader americano. "Michelle e io ci uniamo ai milioni di fan di tutto il mondo nel piangere l'improvvisa morte di Prince".

Cultura in Lutto, è morto Umberto Eco.
Pubblicato il 20/02/2016
Cultura in Lutto, è morto Umberto Eco.

Cultura in lutto, è morto lo scrittore Umberto Eco. Nato ad Alessandria, aveva 84 anni, la notizia del decesso avvenuto ieri sera alle 22,30 nella sua abitazione, è stata data dalla famiglia. Tra i suoi maggiori successi letterari «Il nome della rosa» del 1980 e «Il pendolo di Foucault» (1988). Oltre che di romanzi di successo internazionale, nella sua lunga carriera Eco è stato autore di numerosi saggi di semiotica, estetica medievale, linguistica e filosofia. Nel 1988 ha fondato il Dipartimento della Comunicazione dell'Università di San Marino. Dal 2008 era professore emerito e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna. Dal 12 novembre 2010 Umberto Eco era socio dell'Accademia dei Lincei, per la classe di Scienze Morali, Storiche e Filosofiche. Il suo ultimo libro, «Numero zero», è stato pubblicato lo scorso anno da Bompiani. 

Giornata della Memoria per ricordare la Shoa.
Pubblicato il 27/01/2016
Giornata della Memoria per ricordare la Shoa.

Quando il 27 gennaio 1945 le armate russe varcarono i cancelli del famigerato campo di concentramento di Auschwitz non potevano immaginare l'orrore che vi avrebbero trovato. Un sentore di quanto accadeva nei campi nazisti si era avuto qualche tempo prima quando i russi entrarono in quelli di Chelmno e in quello di Belzec, ma essendo solo campi di sterminio compresero solo che i nazisti vi commettevano vere carneficine: un Olocausto. Auschwitz era  invece un immenso campo di lavoro, di circa 40 chilometri quadrati, dove i prigionieri venivano obbligati a orari indecenti, malnutriti, maltrattati e malvestiti, tutti i giorni, a prestare servizio per le industrie tedesche. All'arrivo dei russi, i tedeschi erano fuggiti portando con sé migliaia di prigionieri, molti dei quali trovarono il loro Olocausto nel percorso forzato. -  Nel linguaggio comunemente usato, Shoaha finito per rappresentare lo sterminio degli ebrei per mano della Germania nazista. Occorre ricordare, in questi giorni specialmente, che gli ebrei pagarono con non meno di 5 milioni di morti l'odio nazista, ma i nazisti infierirono su molte altre minoranze. Fra queste, l'Olocausto non risparmiò prigionieri di guerra sovietici, oppositori politici, nazioni e gruppi etnici quali Rom, Sinti, Jenisch, ma anche gruppi religiosi come testimoni di Geova e pentecostali, nonché omosessuali, malati di mente e portatori di handicap.