Paolo Mario Limiti

+ Condividi
NATO IL 08-05-1940
MORTO IL 27-06-2017
Italia Paolo Mario Limiti è stato un paroliere, conduttore televisivo italiano - Infinita Memoria ha realizzato questo Memorial, per omaggiare un Uomo che attraverso il merito della sua opera si è distinto, ricoprendo un ruolo importante nella vita sociale culturale del Paese. E’stato quindi doveroso da parte nostra, erigere un monumento alla memoria, la dove poter indirizzare i nostri Infiniti ringraziamenti


Pubblicato il 27/06/2017
Seleziona un gadget






























































Postato il 27/06/2017

I protagonisti della Tv di ieri e di oggi sono uniti nel ricordo di Paolo Limiti. "La famiglia Bongiorno esprime il più profondo cordoglio per la scomparsa di un grande uomo di Tv nonché autore "Ciao Paolo, protagonista della storia della musica e della TV" è il saluto di Carlo Conti. " Ti abbraccio" è il tweet di Massimo Boldi, mentre Gene Gnocchi ricorda Limiti come "uno dei pochi che conosceva quello di cui parlava".
Debut Roy
Postato il 27/06/2017

"Oggi ci ha lasciato una colonna portante della televisione italiana" dice Francesco Facchinetti, seguito da Paolo Ruffini: "Il tuo contributo alla tv e alla musica italiana è stato incredibile. Ciao Paolo, grazie di tutto"Ciao Paolo ....quanto bene ci siamo voluti ...quanto mi mancherai" scrive Mara Venier su Instagram. Anche Justine Mattera, con cui Limiti era stato sposato, posta una foto: è la copertina di un vecchio numero di Tv Sorrisi e canzoni, dove Limiti la cinge con le braccia: "Sembra ieri. A te - scrive la showgirl - che mi hai creato una carriera. Love you".
Ass.Meli
Paolo Mario Limiti, noto come Paolo Limiti (Milano, 8 maggio 1940 – Milano, 27 giugno 2017), è stato un paroliere, conduttore televisivo e produttore televisivo italiano.

Biografia
Il padre era un procuratore della Pirelli milanese, mentre la mamma era siciliana; visse l'infanzia e l'adolescenza a Torino, dove si diplomò nel 1961 all'Istituto Tecnico Amedeo Avogadro. Debuttò come paroliere grazie a Jula de Palma, di cui era un ammiratore: le inviò infatti il testo di tre canzoni, che la cantante apprezzò, tanto che decise di inciderne una, Mille ragazzi fa, nel 1964 (mentre le altre due le incise il marito della cantante, il musicista Carlo Lanzi, con lo pseudonimo Dick Salomon). L'anno successivo, Paolo Limiti scrisse Bionda bionda per Maria Doris. Dopo aver lavorato come creativo pubblicitario in alcune agenzie, nel 1968, per intuizione di Luciano Rispoli iniziò la collaborazione con la Rai come autore e regista de La maga Merlini con Elsa Merlini, regista radiofonico di Cantanti all'inferno con Enrico Montesano e di Il maestro e Margherita con Alberto Lionello.

A soli 20 anni, nel 1959 inventò e organizzò la prima edizione dello Zecchino d'Oro, dal quale si distaccò 2 anni più tardi per divergenze con Cino Tortorella. Collaborò soprattutto con Mina come paroliere di canzoni che la cantante cremonese porterà al successo, tra le quali Bugiardo e incosciente, La voce del silenzio, Sacumdì Sacumdà, Ballata d'autunno, Un'ombra ed Eccomi; successivamente diede il via al sodalizio artistico con Mike Bongiorno, sempre come autore di trasmissioni televisive di successo, fra le quali spicca Rischiatutto (1970-1974). Nel 2013 ha ideato il "Premio Etta Limiti", concorso per voci liriche che nel 2014, con la supervisione alla produzione televisiva di Gianriccardo Pera, è stato trasmesso su Raidue e su Raiworld, ottenendo in quest'ultimo caso decine di milioni di contatti. Nel 2014 gli è stato conferito presso la Camera dei Deputati il Premio America della Fondazione Italia USA, per la quale dal 2015 è divenuto responsabile per i progetti artistici.


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Limiti