Giancarlo Bigazzi

+ Condividi
NATO IL 05-09-1940
MORTO IL 19-01-2012
Italia Giancarlo Bigazzi è stato un produttore discografico, compositore e paroliere italiano, già bandleader del gruppo degli Squallor. È stato uno dei più noti autori e parolieri della canzone italiana. Fra i suoi successi discografici si ricordano Rose rosse, Montagne verdi, Lisa dagli occhi blu, Ti amo, Gloria, Si può dare di più, Gente di mare ......
Pubblicato il 28/06/2013
Seleziona un gadget






























































Postato il 19/01/2018

“Una lacrima per i defunti evapora. Un fiore sulla loro tomba appassisce. Una preghiera per la loro anima la raccoglie Iddio” (infinitamemoria)
Infinita Memoria
Postato il 19/01/2017

Il ricordo dei defunti, la cura dei sepolcri e i suffragi sono testimonianza di fiduciosa speranza, radicata nella certezza che la morte non è l’ultima parola sulla sorte umana, poiché l’uomo è destinato ad una vita senza limiti, che ha la sua radice e il suo compimento in Dio. (Papa Francesco)
Infinita Memoria
Postato il 19/01/2017

Giancarlo Bigazzi il geniaccio della canzone italiana. "In fondo - scrive Aldo Nove - quello di Gianfranco Bigazzi non è altro che il racconto di gente che attraversa i secoli e non fa rumore.".... Ciao Poeta R.I.P
Fausto Martelli
Postato il 19/01/2016

“Sappiate che nulla di ciò che ha radice nel cuore è perduto o verrà dimenticato”.
Infinita Memoria
Postato il 19/01/2014

Un sogno, una fantasia, comunque sia ho sempre un bel ricordo di TE, arrivederci Giancarlo.
Tua fans
Postato il 28/06/2013

Giancarlo Bigazzi, paroliere italiano di indiscusso talento e uno dei padri fondatori del gruppo musicale degli Squallor.
Elvira
Giancarlo Bigazzi (Firenze, 5 settembre 1940 – Viareggio, 19 gennaio 2012) è stato un produttore discografico, compositore e paroliere italiano, già bandleader del gruppo degli Squallor. È stato uno dei più noti autori e parolieri della canzone italiana. Fra i suoi successi discografici si ricordano Rose rosse, Montagne verdi, Lisa dagli occhi blu, Ti amo, Gloria, Si può dare di più, Gente di mare, Gli altri siamo noi, Self Control, Gli uomini non cambiano, Non amarmi, T'innamorerai e Bella stronza. Ha collaborato anche con il cinema e la tv per la realizzazione di diverse colonne sonore

Biografia
Giovanissimo, è già autore di grandi successi: scrive per Riccardo Del Turco (Luglio), Caterina Caselli (Il carnevale), Mario Tessuto (Lisa dagli occhi blu), Renato dei Profeti (Lady Barbara).

Negli anni settanta continua la sua carriera di autore di testi e (a volte) musicista, inanellando successi spesso scritti insieme a Totò Savio per Massimo Ranieri (Vent'anni, Erba di casa mia), o per Gianni Nazzaro (L'amore è una colomba) con Gianni per Marcella Bella (Montagne verdi, Io domani, Nessuno mai, Un sorriso e poi perdonami e tante altre hits) o per lo stesso Gianni (Non si può morire dentro, Dolce uragano, No, Più ci penso, Questo amore non si tocca, Toc toc), o con Claudio Cavallaro per I Camaleonti (Eternità, cantata anche da Ornella Vanoni, Come sei bella, Oggi il cielo è rosa) e per Gigliola Cinquetti.
Nel 1970-71 è il produttore de I Califfi e scrive, con il leader del gruppo Franco Boldrini, Acqua e sapone e Lola bella mia (Un disco per l'estate e Cantagiro).

Contemporaneamente alla sua carriera di autore, nel 1971 Bigazzi crea, insieme al paroliere Daniele Pace, al musicista Totò Savio e ai discografici Alfredo Cerruti ed Elio Gariboldi il gruppo degli Squallor che, nati come un progetto goliardico tra amici, per il successo ricevuto, incideranno album per 25 anni: per gli Squallor Bigazzi scrive alcuni testi, spesso insieme a Pace, e molte musiche, non disdegnando di recitare ogni tanto qualche testo (esilarante in Noè, ad esempio, il suo Nettuno con accento toscano o, in Guatemala Guatemala, la sua tipica esclamazione toscana "Maremma maiala"); appare anche come attore nei due film del gruppo, Arrapaho e Uccelli d'Italia.

Sempre negli anni settanta Bigazzi produrrà assieme a Savio il complesso pop-rock napoletano de Il Giardino dei Semplici, che otterrà un successo incredibile dal 1975 al 1978. Bigazzi e Savio sono gli autori di alcuni tra i brani più importanti della band quale M'innamorai, Miele (4 posto a Sanremo 1977 ed 1 milione di copie vendute), Vai e Tamburino.
A metà del decennio conosce Umberto Tozzi e, in veste di produttore, compositore e paroliere lo accompagna al successo nazionale ed internazionale, scrivendo con lui hit quali Donna amante mia, Io camminerò, Ti amo, Tu, Gloria, Stella stai, Notte rosa, Eva ed anche Si può dare di più (cantata da Tozzi con Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri).
Ha scritto insieme a Umberto Tozzi anche canzoni per altri artisti, come L'amore è quando non c'è più per Euro Cristiani e Un amore grande per Pupo.



Da wikipedia,l'enciclopedia libera
Continua a leggere it.wikipedia.org/wiki/Giancarlo_Bigazzi