Elena Fabrizi

+ Condividi
NATO IL 17-06-1915
MORTO IL 09-08-1993
Italia Elena Fabrizi è stata un'attrice, cuoca e ristoratrice italiana - Infinita Memoria ha realizzato questo Memorial, per omaggiare una Donna che attraverso il merito della sua opera si è distinta, ricoprendo un ruolo importante nella vita sociale culturale del Paese. E’stato quindi doveroso da parte nostra, erigere un monumento alla memoria, la dove poter indirizzare i nostri Infiniti ringraziamenti
Pubblicato il 05/09/2012


Postato il 09/08/2019

“Un uomo non muore mai se c’è qualcuno che lo ricorda.” (Ugo Foscolo)
Infinita Memoria
Postato il 09/08/2018

“Una lacrima per i defunti evapora. Un fiore sulla loro tomba appassisce. Una preghiera per la loro anima la raccoglie Iddio” (infinitamemoria)
Infinita Memoria
Postato il 09/08/2017

Il ricordo dei defunti, la cura dei sepolcri e i suffragi sono testimonianza di fiduciosa speranza, radicata nella certezza che la morte non è l’ultima parola sulla sorte umana, poiché l’uomo è destinato ad una vita senza limiti, che ha la sua radice e il suo compimento in Dio. (Papa Francesco)
Infinita Memoria
Postato il 09/08/2016

“Sappiate che nulla di ciò che ha radice nel cuore è perduto o verrà dimenticato”.
Infinita Memoria
Postato il 30/09/2012

Elena Fabrizi, nonna, e Carlo Verdone, nipote Ma che te stai a bevÈ er latte mio? Embè? Ma c’ho messo 25 gocce de lassativo. Quante?!?! Aho, a me dieci nun me fanno niente!
fabio
Elena Fabrizi, all'anagrafe Elena Fabbrizi, detta Sora Lella (Roma, 17 giugno 1915 – Roma, 9 agosto 1993), è stata un'attrice, cuoca e ristoratrice italiana.

Biografia
La ristorazione e gli esordi nel cinema
Ultima di sei fratelli (il maggiore dei quali era l'attore Aldo Fabrizi), prima di dedicarsi al cinema svolse l'attività di ristoratrice nella sua città natale, dove aprì una trattoria nella celebre piazza romana di Campo de' Fiori. Divenne poi famoso un altro ristorante da lei gestito assieme al marito e al figlio sull'Isola Tiberina, chiamato non a caso Sora Lella, attualmente gestito dal figlio Aldo Trabalza.
La Sora Lella, com'era soprannominata, si dedicò poi al teatro ed al cinema, sulla scia del fratello Aldo: il suo esordio cinematografico arrivò piuttosto tardi, all'età di 43 anni, con il film I soliti ignoti (1959) di Mario Monicelli, accanto a colonne del cinema italiano quali Marcello Mastroianni, Gassman e Tiberio Murgia. In questo film interpreta una delle tre "mamme adottive" dell'orfano Mario (Renato Salvatori).
Prese parte poi a diverse commedie all'italiana, in cui sfoggiava il suo carattere bonario e il marcato accento romano: si possono ricordare I tartassati (1959) di Steno (nei panni di una suora infermiera) e C'eravamo tanto amati (1974) di Ettore Scola. Nel 1967 apparve anche come ospite in una puntata della trasmissione televisiva Rai di carattere gastronomico Linea contro Linea, replicata nel 2010 da Rai Storia.


L'incontro con Carlo Verdone e gli ultimi anni
Elena Fabrizi raggiunse la popolarità all'inizio degli anni ottanta, grazie a Carlo Verdone, che le fece interpretare il ruolo di sua nonna in due dei suoi primi film, Bianco, rosso e Verdone (1981) e Acqua e sapone (1983). La Sora Lella incarnava alla perfezione il ruolo dell'anziana nonna romana: saggia, premurosa e allo stesso tempo disinibita, pronta a ribattere e a punzecchiare gli interlocutori, in primo luogo il "nipote" Verdone.
Carlo Verdone nella sua autobiografia Fatti coatti racconta come conobbe Elena Fabrizi: ai microfoni dell'emittente locale Radio Lazio la Sora Lella ogni mattina interveniva per dare consigli o per consolare le ascoltatrici che chiamavano per raccontare i problemi quotidiani, dai tradimenti del marito all'aumento dell'affitto, dai guai fisici ai tram in ritardo. Affascinato dal modo in cui sapeva consigliare le persone su qualsiasi argomento (farcendo i suoi interventi con classiche parolacce dette al posto giusto), Verdone decise d'incontrarla al bar dove era solita recarsi. Verdone racconta che quando le disse chi era e che la voleva come coprotagonista del suo nuovo film, la reazione di Lella fu: «Carlo Verdone l'attore? Ma me stai a cojonà o stai a ddì sur serio?».

Verdone s'innamorò subito di questa tipica matrona romana, la quale a sua volta lo considerava come un vero nipote; il successo del film Bianco, rosso e Verdone confermò la bontà dell'intuizione di Verdone. Grazie alla sua interpretazione Lella vinse un Nastro d'Argento come miglior attrice esordiente; con il successivo Acqua e sapone si aggiudicò poi un David di Donatello come miglior attrice non protagonista. Recitò poi in alcuni film del filone trash italiano, come quelli della serie di Pierino con Alvaro Vitali. In questi film Elena Fabrizi, interpretava la parte di una nonna disperata alle prese con un nipote pestifero, Pierino/Alvaro Vitali. Se da un lato non poteva che essere disperata per i comportamenti e gli scarsi risultati del nipote, al tempo stesso aveva quella naturale comprensione che ogni nonna ha per il nipote.
Grazie a queste interpretazioni, divenne ben presto lo stereotipo della nonna italiana tutto cuore e qualche scappellotto. Negli ultimi anni della sua vita, fu imitata da Antonello Fassari nel programma satirico Avanzi. Gli sketch la proponevano nel suo ruolo di frequente ospite in talk show televisivi, con trovate come l'aprire il borsellino e cominciare a mangiare gli spaghetti che conteneva.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere http://it.wikipedia.org/wiki/Elena_Fabrizi