Mariangela Melato

+ Condividi
NATA IL 19-09-1941
MORTA IL 11-01-2013
Italia Mariangela Melato è stata un'attrice italiana - Infinita Memoria ha realizzato questo Memorial, per omaggiare una Donna, che attraverso il merito della sua opera si è distinta ricoprendo un ruolo importante nella vita sociale culturale del Paese. E’stato quindi doveroso da parte nostra erigere un monumento alla memoria, la dove poter indirizzare i nostri Infiniti ringraziamenti

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria   Commendatore (O.M.R.I)
Pubblicato il 30/09/2013


Postato il 11/01/2019

“Una lacrima per i defunti evapora. Un fiore sulla loro tomba appassisce. Una preghiera per la loro anima la raccoglie Iddio” (infinitamemoria)
Infinita Memoria
Postato il 19/09/2018

Una persona del tutto particolare, con un fisico particolare, una faccia particolare. Potremmo andare avanti con le particolarità’ , forse non sarebbe inutile, ma siccome ci mancherà e non c’è alcun rimedio a questo, mi fermo a questa considerazione: una persona che, nonostante i mestiere di attrice, ha saputo esprimere una propria unicità . Scusate se è poco.
Amedeo Ronchi
Postato il 11/01/2018

“Una lacrima per i defunti evapora. Un fiore sulla loro tomba appassisce. Una preghiera per la loro anima la raccoglie Iddio” (infinitamemoria)
Infinita Memoria
Postato il 11/01/2017

Il ricordo dei defunti, la cura dei sepolcri e i suffragi sono testimonianza di fiduciosa speranza, radicata nella certezza che la morte non è l’ultima parola sulla sorte umana, poiché l’uomo è destinato ad una vita senza limiti, che ha la sua radice e il suo compimento in Dio. (Papa Francesco)
Infinita Memoria
Postato il 11/01/2017

“Sono convinta che apparteniamo ad un sesso meraviglioso, ciò che non mi sentirei di sostenere per gli uomini. Mi spiace, è così. Noi ci siamo svegliate, intendiamoci, nel bene e nel male.” (Mariangela Melato)
Datti Mariano
Postato il 11/01/2016

“Sappiate che nulla di ciò che ha radice nel cuore è perduto o verrà dimenticato”.
Infinita Memoria
Postato il 11/01/2014

Non sopporto le donne che elencano i loro amori sbagliati, è come darsi dell'imbecille. Io sono selettiva, non ho mai perso tempo o spartito la vita con un cretino.(Mariangela Melato)
Valerio
Postato il 01/10/2013

“Bisogna diffidare di due categorie di persone: quelle che non hanno personalità, e quelle che ne hanno più di una."
Salvatore
 Pag.  di 1  
Mariangela Melato (Milano, 19 settembre 1941 – Roma, 11 gennaio 2013) è stata un'attrice italiana

Biografia
Nata a Milano nel 1941, figlia di un vigile urbano e di una sarta. Sorella dell'attrice e cantautrice Anna Melato, da giovanissima studiò pittura all'Accademia di Brera, disegnando manifesti e lavorando come vetrinista a La Rinascente per pagarsi i corsi di recitazione di Esperia Sperani. Nel 1960, non ancora ventenne, entrò nella compagnia di Fantasio Piccoli, esordendo come attrice in Binario cieco di Carlo Terron, rappresentato al Teatro Stabile di Bolzano.
Dal 1963 al 1965 lavorò con Dario Fo in Settimo: ruba un po' meno e La colpa è sempre del diavolo. Nel 1966 fu ingaggiata dallo Stabile di Trieste e nel 1967 lavorò con Luchino Visconti ne La monaca di Monza. Nel 1968 la sua affermazione definitiva nella propria attività teatrale ne l'Orlando furioso di Luca Ronconi, ma ebbe successo anche nella commedia musicale di Garinei e Giovannini Alleluia brava gente (1971).
Nel cinema, dopo l'esordio nel film Thomas e gli indemoniati (1970) di Pupi Avati (con cui tornò a lavorare dieci anni dopo in Aiutami a sognare), alternò ruoli drammatici (La classe operaia va in paradiso, 1971, e Todo modo, 1976, di Petri; Caro Michele, 1976, di Monicelli; Oggetti smarriti, 1979, e Segreti segreti, 1985, di Giuseppe Bertolucci; Dimenticare Venezia, 1979, e Il buon soldato, 1982, di Franco Brusati; Figlio mio, infinitamente caro..., 1985, di Valentino Orsini) a quelli da commedia, come in Mimì metallurgico ferito nell'onore (1972), Film d'amore e d'anarchia (1973) e Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto (1974) di Lina Wertmüller; Casotto (1977) e Mortacci (1988) di Sergio Citti.
La sua carriera e la sua indole rimangono comunque indissolubilmente legati al mondo del teatro. Qui affrontò personaggi di grande impegno nelle tragedie Medea (1986) e Fedra (1987) di Euripide e nelle commedie Il caso di Alessandro e Maria (1982) di Gaber e Luporini, Vestire gli ignudi di Pirandello (1990) e La bisbetica domata di Shakespeare (1992).
Negli anni novanta e Duemila lavorò per la televisione (Scandalo, 1990, Una vita in gioco, 1991, Due volte vent’anni, 1995, L'avvocato delle donne, 1997; Rebecca, la prima moglie, 2008; Filumena Marturano, 2010) ed è proseguito il suo impegno teatrale, spesso in collaborazione con il Teatro Stabile di Genova (Il lutto si addice ad Elettra, 1996; La dame de Chez Maxim, 1998; Fedra, 1999; Un amore nello specchio e Madre Coraggio, 2002; La Centaura, 2004; Chi ha paura di Virginia Woolf?, 2005; Il dolore, 2010); mentre per il cinema recitò in La fine è nota (1993) di Cristina Comencini, Panni sporchi di Mario Monicelli, Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro (1999) e Vieni via con me (2005) di Carlo Ventura e partecipò al documentario su Alda Merini, Una donna sul palcoscenico (2009) di Cosimo Damiano Damato, presentato alle Giornate degli Autori della 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, recitando alcune poesie inedite della grande poetessa milanese.
Compagna per molti anni dello showman Renzo Arbore, malata da tempo di tumore al pancreas, è deceduta l'11 gennaio 2013 in una clinica romana all'età di 71 anni. I funerali sono stati celebrati il giorno seguente nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, detta anche Chiesa degli artisti, a Roma. A ricordarla, sul sagrato della chiesa, per volere della stessa Melato, Emma Bonino, con la quale l'attrice si era più volte apertamente schierata.
L'urna con le ceneri di Mariangela Melato è rimasta nelle mani degli eredi della sorella Anna e dei suoi cari nipoti


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere it.wikipedia.org/wiki/Mariangela_Melato