Diego Armando Maradona

+ Condividi
NATO IL 30-10-1960
MORTO IL 25-11-2020
Argentina Football pictogram.svgDiego Armando Maradona è stato un calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo argentino, di ruolo centrocampista, campione del mondo nel 1986 e vicecampione del mondo nel 1990 con la nazionale argentina.
Soprannominato El Pibe de Oro ("il ragazzo d'oro"), è considerato uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, se non il migliore in assoluto.

Coppa mondiale.svg  Mondiali di calcio
Pubblicato il 26/11/2020


Postato il 26/11/2020

"Hasta siempe, Diego”. E ancora: ”Sarai eterno in tutti i cuori del mondo del calcio".(Il saluto su Twitter della Federazione Argentina)
infinitamemoria
Postato il 26/11/2020

"Per sempre. Ciao Diego", con un cuore blu. Così lo ha voluto salutare il Napoli, sempre su Twitter: E, poco dopo, è arrivato un altro post della società: "Tutti si aspettano le nostre parole. Ma quali parole possiamo usare per un dolore come quello che stiamo vivendo? Ora è il momento delle lacrime. Poi ci sarà il momento delle parole".
infinitamemoria
Postato il 26/11/2020

"Oggi saluto un amico e il mondo saluta un genio eterno": Cristiano Ronaldo ricorda così, su Instagram, Maradona, "uno dei migliori di sempre, un mago senza uguali - scrive il portoghese -. Se n'è andato troppo presto, ma lascia un'eredità senza limiti e un vuoto che non sarà mai riempito. Riposa in pace fuoriclasse, non sarai mai dimenticato"
infinitamemoria
Postato il 26/11/2020

"È una notizia che mi ha sconvolto, mi piange il cuore. È una leggenda, un mito, uno dei più grandi della storia del calcio o, possiamo dirlo, il più grande di tutti". Un commosso Franco Baresi fatica a trovare le parole dopo la morte di Maradona, suo avversario di epiche sfide fra Milan e Napoli negli anni '80
infinitamemoria
Diego Armando Maradona (Lanús, 30 ottobre 1960 – Tigre, 25 novembre 2020]) è stato un calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo argentino, di ruolo centrocampista, campione del mondo nel 1986 e vicecampione del mondo nel 1990 con la nazionale argentina.

Soprannominato El Pibe de Oro ("il ragazzo d'oro"), è considerato uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, se non il migliore in assoluto.

In una carriera da professionista più che ventennale ha militato nell'Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli, nel Siviglia e nel Newell's Old Boys. Con la nazionale argentina ha partecipato a ben quattro Mondiali (1982, 1986, 1990 e 1994), vincendo da protagonista il torneo del 1986; i 91 incontri disputati e le 34 reti realizzate in nazionale costituirono due record, successivamente battuti.[9] Contro l'Inghilterra ai quarti di finale di Messico 1986 segnò una rete considerata il gol del secolo, tre minuti dopo aver segnato un gol con la mano (noto come mano de Dios), altro episodio per cui è spesso ricordato.

Non è mai potuto entrare nelle graduatorie del Pallone d'oro perché fino al 1994 il premio era riservato ai giocatori europei: per questo motivo nel 1995 vinse il Pallone d'oro alla carriera. Ha comunque ricevuto altri numerosi riconoscimenti individuali: condivide con Pelé il premio ufficiale FIFA come Miglior giocatore del XX secolo,[10] e nel 1993 è stato insignito del titolo di miglior calciatore argentino di sempre, tributatogli dalla federazione calcistica dell'Argentina. Nel 2002 è stato inserito nella FIFA World Cup Dream Team, selezione formata dai migliori undici giocatori della storia dei Mondiali, ottenendo, tra gli undici della squadra ideale, il maggior numero di voti. Nel 2004 è stato inserito da Pelé nel FIFA 100, la lista dei 125 migliori calciatori viventi, stilata in occasione del centenario della federazione. Nel 2012 viene premiato come Miglior Calciatore del Secolo ai Globe Soccer Awards e nel 2014 entra a far parte della Hall of Fame del calcio italiano tra i giocatori stranieri.

Tra le figure più controverse della storia del calcio per la sua personalità eccentrica dentro e fuori il campo, fu sospeso due volte dal calcio giocato per differenti motivi: una volta per uso di cocaina nel 1991 e un'altra volta per positività ai test antidoping, al mondiale degli Stati Uniti 1994 (per uso di efedrina, sostanza non legale spesso usata per perdere peso). Commissario tecnico dell'Argentina per un breve periodo alla fine degli anni duemila, dopo il suo ritiro ufficiale dal calcio nel 1997, Maradona ha subito un aumento eccessivo di peso (risolto con l'aiuto di un bypass gastrico) e le conseguenze della dipendenza dalla cocaina, dalla quale si è liberato dopo lunghi soggiorni in centri di disintossicazione

Biografia
Maradona nacque il 30 ottobre 1960, al Policlínico Evita Hospital di Lanús da Diego Maradona Senior (1928-2015),di etnia guaraní e Dalma Salvora Franco (1930-2011),[18] di origini italiane. Quinto di otto figli, ha quattro sorelle (di cui tre maggiori: Maria Rosa, Rita, Elsa, Ana Maria e Claudia; oltre a due fratelli Hugo e Raúl (detto Lalo), anch'essi calciatori. Aveva inoltre origini croate, da parte di parenti lontani

Era padre di cinque figli: Dalma Nerea (1987) e Gianinna Dinorah (1989), nate dal matrimonio con Claudia Villafañe – sposata nel 1984 e dalla quale ha poi divorziato nel 2004, mantenendo comunque buoni rapporti –, Diego Sinagra (1986), nato dalla relazione con Cristiana Sinagra e non riconosciuto da Maradona fino al 2007, Jana (1996), dalla relazione con Valeria Sabalaín e Diego Fernando (2013), nato dalla relazione con Veronica Ojeda.

Nel 2009 è diventato nonno per la prima volta a seguito della nascita di Benjamin, figlio del genero Sergio Agüero (anche lui calciatore) e della figlia Gianinna.

Oltre a lui ed ai suoi fratelli anche suo figlio Diego Sinagra era calciatore, così come lo sono i suoi nipoti Diego Hernán Valeri i gemelli Nicolás e Santiago Villafañe.


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere it.wikipedia.org/wiki/Diego_Armando_Maradona