Giuseppe Montana

+ Condividi
NATO IL 08-10-1951
MORTO IL 28-07-1985
Italia Giuseppe Montana, meglio conosciuto come Beppe Montana (Agrigento, 8 ottobre 1951 – Santa Flavia, 28 luglio 1985), è stato un poliziotto italiano, commissario della squadra mobile di Palermo, vittima di cosa nostra.

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria  Medaglia d'oro al valor civile

Pubblicato il 25/10/2016
Seleziona un gadget






























































Postato il 28/07/2018

"Onestà e abilità professionali non comuni - fanno di lui, ancora a distanza di tanti anni, uno dei principali punti di riferimento e di esempio per tutti".
Mario Landolfi
Postato il 26/10/2016

"I nostri successi non sono solo frutto d'investigazione ma anche del progresso culturale"(Beppe Montana)
Mauro Caterina
Giuseppe Montana, meglio conosciuto come Beppe Montana (Agrigento, 8 ottobre 1951 – Santa Flavia, 28 luglio 1985), è stato un poliziotto italiano, commissario della squadra mobile di Palermo, vittima di cosa nostra.

Biografia
Nato ad Agrigento nel 1951, figlio di un funzionario del Banco di Sicilia, si trasferì poi a Catania dove crebbe. Ottenne la laurea in Giurisprudenza e successivamente vinse il concorso per entrare nella Polizia.
Entrò a far parte della squadra mobile di Palermo ed in seno a questa fu posto alla testa della neonata sezione "Catturandi", che si occupava della ricerca dei latitanti. In questa veste ottenne risultati di rilievo, scoprendo nel 1983 l'arsenale di Michele Greco ed assicurando alle patrie galere nel 1984 Tommaso Spadaro (amico d'infanzia di Giovanni Falcone), divenuto boss del contrabbando di sigarette e del traffico di droga. Aveva collaborato al "maxi blitz di San Michele" del pool antimafia, eseguendo parte dei 475 mandati di cattura. Con il pool avrebbe continuato a lavorare a stretto contatto fino all'ultimo suo giorno, consolidando con quella struttura un rapporto nato con il giudice Rocco Chinnici, impegnato in prima linea nella "sfida" con la Cosa Nostra.

Proprio dopo l'uccisione di Chinnici, Montana aveva dichiarato:

« A Palermo siamo poco più d'una decina a costituire un reale pericolo per la mafia. E i loro killer ci conoscono tutti. Siamo bersagli facili, purtroppo. E se i mafiosi decidono di ammazzarci possono farlo senza difficoltà. »
(Beppe Montana)
Tre giorni prima della morte di Montana, il 25 luglio 1985 la Catturandi aveva arrestato otto uomini di Michele Greco, che si era sottratto alla cattura.

Un altro Greco, Pino, detto "Scarpuzzedda", era a capo di una cosca che insieme a quella dei Prestifilippo controllava il territorio della zona di Ciaculli in cui si nascondeva il latitante Salvatore Montalto. Montana conosceva bene il soggetto perché stava provando a far costituire Scarpuzzedda e cercava anche di convincere la sua amante, Mimma Miceli, a consegnarlo alla giustizia. L'agente Calogero Zucchetto, infiltrato nelle mafie di Ciaculli, fu ucciso il 14 novembre 1982 da Greco perché stava quasi per metter le mani sul Montalto; fra i mafiosi, non si sa con quanta fondatezza, si diffuse subito la voce che Montana ed il suo superiore Ninni Cassarà avrebbero ordinato ai loro uomini che Greco e Prestifilippo non sarebbero stati da prender vivi. Montana fu piuttosto l'ideatore ed il principale animatore del comitato in memoria di Zucchetto, in materia di legalità. Lunga ed intensa fu la collaborazione, accompagnata da un rapporto umano profondo, con Cassarà, che sarebbe stato ucciso nove giorni dopo di lui. Di diverso tenore fu invece la "collaborazione" con un altro funzionario, Ignazio D'Antone, sospettato di collusioni con la criminalità organizzata ed in particolare con il boss Pietro Vernengo, fratello di quell'Antonio il cui arresto era stata la prima grande operazione di Montana.

Fra le indagini seguite da Montana, anche quella sulla vicenda del Palermo calcio, che condusse in carcere il presidente Salvatore Matta accompagnatovi da diversi faldoni di intercettazioni telefoniche che ne indicavano una gestione finanziaria a dir poco disinvolta.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere it.wikipedia.org/wiki/Beppe_Montana