Daniela Dessì

+ Condividi
NATA IL 14-05-1957
MORTA IL 20-08-2016
Italia Daniela Dessì è stata un soprano italiano.

Infinita Memoria ha realizzato questo Memorial, per omaggiare una Donna che attraverso il merito della sua opera si è distinta, ricoprendo un ruolo importante nella vita sociale culturale del Paese. E’stato quindi doveroso da parte nostra, erigere un monumento alla memoria, la dove poter indirizzare i nostri Infiniti ringraziamenti.
Pubblicato il 17/10/2017
Seleziona un gadget






























































Postato il 17/10/2017

"Non voglio ricordare la grandezza della tua arte che è universalmente conosciuta e che è testimoniata dalle migliaia di messaggi che piovono da ogni parte del mondo. Voglio invece ricordare di te la tua grandezza di donna, di mamma, la tua bellezza interiore e la tua generosità, il tuo umorismo, la tua malinconia, ma soprattutto la tua fragilità che potrebbe sembrare un paradosso rispetto alla dirompente personalità da vera diva che possiedi, diva nel senso di divina".
Armillato
Daniela Dessì (Genova, 14 maggio 19 57 – Brescia, 20 agosto 2016[2]) è stata un soprano italiano.

Biografia
Completò gli studi di canto e pianoforte al Conservatorio Arrigo Boito di Parma, specializzandosi poi in canto da camera presso l'Accademia Chigiana di Siena e iniziando la carriera come concertista e interprete di musica sacra.

Dopo aver debuttato in palcoscenico nel 1979 ne La serva padrona nella programmazione del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona, l'anno successivo si affermò come finalista nel Concorso Internazionale di voci nuove "Maria Callas" indetto dalla Rai, e si aprì la strada sui palcoscenici di tutto il mondo con un repertorio che comprenderà alla fine oltre 70 titoli, da Monteverdi a Prokofiev, spaziando dal repertorio barocco, mozartiano e belcantista per giungere fino alle eroine verdiane, pucciniane e veriste. Con il passare degli anni, dall'originario repertorio di soprano lirico passò ad affrontare anche i grandi ruoli drammatici dell'opera italiana, da Norma (Teatro Comunale di Bologna, 2008), a Gioconda (Teatro Massimo di Palermo, 2011), a Turandot (Teatro Carlo Felice di Genova, 2012).

Tra le collaborazioni di maggior interesse, quella col Teatro alla Scala di Milano (Don Carlos, Falstaff, Requiem di Verdi, Così fan tutte e Nozze di Figaro) con Riccardo Muti e inoltre Adriana Lecouvreur, Madama Butterfly, Tosca, Otello), la Staatsoper di Vienna con Claudio Abbado (Simon Boccanegra, Don Carlos, Tosca, Aida), il Metropolitan di New York con James Levine (Pagliacci, La Bohème, Andrea Chénier), la Deutsche Oper di Berlino con Giuseppe Sinopoli (Aida, Requiem di Verdi), la Bayerische Staatsoper di Monaco con Zubin Mehta (Falstaff, Tosca, Don Giovanni), l'Opera di Roma (Iris, Il trittico) il Teatro Comunale di Bologna, il Rossini Opera Festival di Pesaro, l'Arena di Verona.

Negli ultimi anni Daniela Dessì si è dedicata con passione all'insegnamento. Dal 2000 è stata legata al tenore Fabio Armiliato, con cui ha fatto spesso coppia anche in palcoscenico, ed è stato quest'ultimo ad annunciarne la prematura scomparsa dopo "breve, terribile e incomprensibile" malattia.


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continua a leggere  it.wikipedia.org/wiki/Daniela_Dess%C3%AC